• Il nuovo Disegno di Legge sui Bed and Breakfast in Puglia

    Pubblicato il 19 luglio 2013 da Bed-BreakfastPuglia in Notizie per i B&B, Novità.
    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (4 voti, media: 3,25 su 5)
    Loading...
    4.232 visite

    baia-puglia

    Dal sito ufficiale della Regione Puglia:

    Godelli: soddisfazione per approvazione ddl Bed and Breakfast in IV commissione

    L’Assessore al Turismo, Silvia Godelli esprime grandissima soddisfazione per l’approvazione in IV Commissione consiliare del DDL sui Bed and Breakfast. ‘Dopo oltre un anno dalla presentazione in Giunta, osserva l’Assessore, finalmente la Commissione è riuscita a licenziare il testo, con il voto favorevole della maggioranza e con l’astensione dei gruppi di opposizione. Si è trattato di un complesso lavoro di sintesi che ha dovuto tenere conto di esigenze diverse e persino contraddittorie, ma è comunque prevalsa la volontà di normare questo settore che è in forte sviluppo, con l’obiettivo di qualificarlo e di offrire ai turisti che giungono in Puglia tutte le necessarie garanzie di organizzazione e di qualità. Auspichiamo, conclude l’Assessore, che il Consiglio regionale possa approvare la legge in via definitiva prima della pausa estiva.

    Data: Lun, 15 Luglio 2013 @ 15:01

    ———————————

    Maggiori informazioni sul DDL a cura di Bed-and-breakfast.it

    B&B in Puglia. Ecco le novità del Disegno di Legge

    Sembra giunta alla conclusione definitiva la querelle tra i gestori dei B&B Pugliesi e l’Assessore al Turismo Silvia Godelli che, negli scorsi mesi, aveva infiammato gli animi della microricettività in Puglia.

    La Giunta pugliese ha approvato un nuovo Disegno di Legge sui Bed and Breakfast. Il nuovo testo sostituisce quello approvato dalla Giunta regionale alcuni mesi fa, tiene conto della sentenza della Corte Costituzionale che ha cancellato alcuni articoli del Codice del Turismo e modifica e completa per molti aspetti il precedente tenendo conto del confronto sviluppatosi in questi mesi tra l’assessorato regionale e i gestori dei B&B.

    L’Assessore Godelli ha sgombrato il campo da ogni possibile equivoco: è stata ribadita l’importanza strategica che la micoricettività turistica e i B&B in particolare comportano per il governo regionale il quale individua nel comparto non solo una importante risorsa economica ma anche, e soprattutto, un fondamentale strumento per la promozione del turismo sostenibile, per la conoscenza delle persone, delle culture e delle tradizioni locali.

    Rispetto alla prima bozza che si adeguava al nuovo Codice del Turismo sono intervenute sostanziali modifiche a seguito dei contributi pervenuti dalle associazioni di categoria e da diversi gruppi organizzati di B&B. Viene sancita innanzitutto la differenza tra B&B “ a conduzione familiare” e quelli “in forma imprenditoriale”. L’obbligo della residenza anagrafica è stato sostituito con l’obbligo di dimora, requisito fondamentale per organizzare l’accoglienza in abitazioni balneari abitate temporaneamente ma nelle quali non si risiede. I B&B a conduzione familiare potranno avere fino a 4 camere e 9 posti letto mentre i B&B imprenditoriali avranno la possibilità di rendere disponibili 8 camere per un massimo di 20 posti letto.

    I B&B imprenditoriali dovranno iscriversi alla sezione speciale del Registro delle Imprese, fruendo delle previste agevolazioni fiscali. Rispetto alla prima stesura del decreto sono stati eliminati i limiti relativi alla possibilità di pubblicizzare le strutture. Per l’apertura di una nuova struttura, sia in forma familiare che imprenditoriale, sarà sufficiente una segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) da presentare all’ufficio di competenza del Comune di appartenenza e l’attività potrà cominciare il giorno stesso della presentazione della SCIA. Sarà adottato un marchio identificativo e di qualità denominato Puglia Ospitale. Nell’ottica della nuova normativa regionale i B&B potranno affiancare la dicitura “ospitalità accessibile” se sono privi di barriere architettoniche, “ospitalità friendly” per i B&B è aperti all’ospitalità di coppie dello stesso sesso e di qualsiasi etnia o religione, “ospitalità pet friendly” per chi accetta gli animali domestici.

    Una importante novità che renderà felici molti gestori è la possibilità di poter offrire, per la colazione, prodotti tipici e non preconfezionati puntando sulla tipicità dell’offerta soggiorno in bed and breakfast

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *